Domenica, 29 Novembre 2020

 
     
 

 

Poesia: L’ ACQUERELL

Signor, ‘me l’è bell,

pastrùgnà cui culur!...

Fermass un mumentin,

desmett de curr

vardà inturna i paesagg,

stagion, lùs, umber, mesagg,

acqua pùra che la par un specch.

L’è propi lì che sùcced un queicoss

De incredibilment miraculus...

Te branchet carta, culur, acqua, penell,

te se lasset andà sensa paùra

e in un buff te pitturet l’acquerell

inscì, cume te ispira tua natura!

L’è una musica, un sogn, una carezza,

un ragg de so ch’el te risciara el coeur

te disi, varda, propi una bellezza

vedè el culur ch’el taca lit cun l’acqua

o che cun le el se fund in armonia

fin a furmà un queicoss che l’è poesia!!!

L’è una roba de gran sudisfazion,

una fregùja de felicità:

el cascia via i malann, l’è terapia,

se po’ nanca spiegall cun la resun.

E per i bambanad che ho scritt adess

E m’è piasù de dì in del me dialett

Te ringrazi per questa creaziun...

Grazie Signor perché l’è propi bell

Parlà in silenzi cun un acquerell!!!

Clicca sull'acquerello per visualizzarlo in dettaglio

 

 

Aggiornato al 29 giugno 2011  

Copyright © 2002-2020 AldaFabbrica.com Tutti i diritti sono riservati. Design by Albnet.eu